I migliori templi buddisti (e non solo) da visitare a Phuket

Phuket non è solo mare e vita notturna: infatti nonostante il turismo di massa l’abbia ormai conquistata le tradizioni e religioni thailandesi non sono affatto sparite. Proprio per questo l’isola è piena di splendidi templi buddisti da visitare e assolutamente da non perdere: parliamo del maestoso Big Buddha, del popolare Wat Chalong, del cinese Jui Tui Shrine e di tanti altri.

In questo articolo andiamo a parlare di un tema importante, delicato ma anche molto sentito non solo a Phuket, ma in tutta la Thailandia, e cioè la spiritualità.

Non dimentichiamo che, sebbene una parte dei turisti decida di andare in Thailandia per il divertimento, il mare, il clima (alcuni anche per motivi meno nobili come il turismo sessuale e i Go Go Bar) ci sono anche tante altre persone che sono attratte da questo paese per la sua atmosfera mistica e sacra.

Questo discorso vale ovviamente anche per Phuket, che brulica di templi buddisti, luoghi sacri per eccellenza ma anche con architetture caratteristiche e originali.

Questi luoghi sono quindi spesso affollati di turisti che vogliono respirare l’atmosfera spirituale percepibile all’interno o che magari vogliono visitarli e conoscerli semplicemente perché sono consapevoli della loro importanza per la cultura e la filosofia orientale.

Lista degli argomenti

Struttura a architettura dei templi buddisti di Phuket

Di solito i templi buddisti di Phuket e thailandesi sono formati da più edifici, anche se le strutture possono cambiare in base alla regione nei quali si trovano.

All’interno ci sono di solito gli alloggi dei monaci, la dimora e la sala principale dei templi buddisti che si chiama Vihana, che è piena di oggetti preziosi e decorazioni.

Poi abbiamo l’altare dove è situata la statua di Buddha, che in genere è decorato con fiori e incensi e infine è spesso presente l‘Albero della Ficus Religiosa o albero della Bodhi, che rappresenta l’albero dove buddha raggiunse il Nirvana.

Andiamo ora a vedere insieme i templi più importanti e significativi di Phuket, insomma quelli da vedere e assolutamente non perdersi durante un viaggio sull’isola.

Il Big Buddha (Grande Buddha) a Phuket

Una delle più grandi attrazioni di Phuket per i turisti di tutto il mondo è sicuramente la statua del Big Buddha, che è situata precisamente nella cima superiore delle colline Nakkerd di Ao Chalong .

Questa statua è alta 45 metri, è bianchisima ed è stata costruita nei primi anni del 2000, diventando da subito una delle attrattive che crea più curiosità per chi si trova per la prima volta sull’isola.

Molte persone la chiamano Grande Buddha per una questione di comodità in quanto il nome originale è molto difficile sia da pronunciare che da scrivere e cioè: Phra Putthamingmongkhol-akenagakhiri.

Questo posto è anche molto amato per il fantastico panorama che si può ammirare da lassù: infatti, se si sceglie un giorno con cielo terso, si potranno vedere Kata, Karon, Rawai, Phuket Town e
Chalong Bay.

Nel tratto di strada tra i parcheggi e la sala di meditazioni ci si potrà fermare nelle tante bancarelle e stand presenti per acquistare braccialetti, amuleti particolari, fiori, incensi e souvenir classici.

Una cosa importante da ricordare è che la costruzione di questa statua è sempre work in progress e che si finanzia con le donazioni: questo è il motivo per cui tutto quello che c’è intorno ad essa può sembrare un business.

Wat Chalong: il tempio più conosciuto di Phuket

Questo tempio è uno dei più conosciuti e osannati di Phuket e si trova vicino al Big Buddha, precisamente nel Sottodistretto di Chalong, a Mueang Phuket.

Il Wat Chalong Chedi è un edificio costruito e diviso in 3 piani. All’ultimo piano è presente una terrazza dalla quale si può vedere il panorama e appunto il Grande Buddha.

La parte più visitata è il tempio centrale, nel quale si onora e si celebra il Buddha offrendo simbolicamente fiori di loto.

Come in tutti i templi buddisti bisogna togliersi le scarpe prima di entrare ed è ovviamente vestirsi bene adeguatamente. (no scollature, no gonne troppo corte)

Wat Phra Thong

Questo è uno dei templi più antichi di tutta l’isola e si trova  
20 km a nord di Phuket Town.
Anche se non è molto grande, merita una visita perché al suo interno si trova una grande statua dorata di Buddha, “sepolta” fino al petto.

Intorno a quest’ultima si narra una leggenda interessante, che afferma che se una persona provasse a dissotterrarla verrebbe colpita da una maledizione! All’interno troviamo un museo molto ricco e interessante nel quale sono presenti pezzi storici regalati dai locali e che risalgono a decine, se non centinaia di anni fa.

Jui Tui Shrine: il più popolare tempio cinese di Phuket

Questo tempio è uno dei amati dal punto di vista spirituale di tutta Phuket Town: si trova nei pressi del mercato ortofrutticolo ed è considerato un riferimento importante del Festival Vegetariano della città.

Questo festival è una ricorrenza cinese che si svolge a Phuket, durante il nono mese lunare cinese. L’evento dura circa 10 giorni e ha lo scopo di diffondere l’idea di purificazione fisica e spirituale.

Per almeno 3 giorni i residenti che sono originari della Cina, avranno l’obbligo di seguire una dieta vegana e di astenersi da ogni vizio e dipendenza per almeno 3 giorni.

All’interno sono presenti dei grandi e suggestivi altari, nei quali sono ben visibili delle statue di divinità cinesi.

Quella principale si chiama Tean Hu Huan Soy, ed è posta nella parte più alta dell’altare, affiancata da altre divinità taoiste e cinesi.

Questa divinità viene collegata ed associata agli artisti, ai ballerini e agli attori; all’esterno è presente un edificio rosso fuoco, come avviene in gran parte dei templi cinesi, sorretto da 4 colonne e draghi che lottano attorcigliati.

Il Jui Tui Shrine è molto importante per le persone del posto, soprattutto a livello simbolico: al suo interno infatti si festeggiano i momenti positivi come matrimoni e compleanni, ma allo stesso tempo si condividono anche i momenti di dolore.

Il tempio è aperto tutti i giorni dalle 8 alle 20,30.

Suwan Khiri Wong Temple (Patong Temple)

Questo luogo di culto si trova a Patong e lo si può definire un piccolo paradisoper l’atmosfera e la pace che trasmette!

Il posto è abbastanza ampio, c’è un tempio e il “campanile” dei monaci: questi ultimi li si può incontrare se ci si va nelle prime ore del mattino. Molto simbolica è una piccola costruzione, dove spesso i fedeli scoppiano petardi come dimostrazione di devozione.

Nei pressi del tempio c’è un piccolo mercato dove troverete carne, verdura, frutta e pesce fresco.

Questo tempio viene molto visitato perchè trasmette la sensazione di quello che era Patong, quando era un villaggio e non era un posto prevalentemente turistico.

L’atmosfera che si respira all’interno del tempio è l’ideale per capire come fosse Patong quando ancora era solo un villaggio di pescatori e non una località turistica come quella di oggi.

Wat Suwan Khiri Khet

Infine citiamo questo tempio che si trova a Karon, per la precisione
a circa mezzo chilometro dalla spiaggia, lungo Patak Road e si può raggiungere agevolmente a piedi se siete in relax in riva al mare e volete fare una passeggiata.

Chi arriva qui rimane a bocca aperta davanti alle porte e alle finestre del Wat Suwan Khiri Ket, sulle quali sono incise splendide raffigurazioni che rappresentano alcuni momenti topici della vita di Buddha.

Due volte alla settimana (martedì e venerdì) il tempio ospita un vivacissimo mercato (con artigianato locale, street-food e souvenir): le bancarelle iniziano ad “aprire” nel tardo pomeriggio, quando il caldo del sole cocente lascia spazio a una leggera brezza.

Mappa templi buddisti



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per approfondire